La macchina fotografica - Il funzionamento


LA MACCHINA FOTOGRAFICA



La macchina fotografica moderna è un dispositivo basato sul concetto di camera oscura.
La camera oscura  altro non è che una scatola chiusa sulla quale è presente un foro su uno dei lati.
Tale foro permette l'ingresso della luce e proietta sul fondo della camera, l'immagine capovolta degli oggetti posti davanti al foro.


La fotocamera sostanzialmente funziona allo stesso modo, con l'aggiunta però di alcuni dispositivi elettronici e meccanici atti a permettere all'utilizzatore di osservare la scena che viene ripresa e a salvare l'immagine su di un supporto per poterla conservare.

Andiamo quindi ad analizzare ad esempio come è strutturata una macchina fotografica reflex.

Gli elementi che la compongono sono :

Pellicola/Sensore: La pellicola, altro non è che lo strumento su chi viene impressa la luce che entra dall'obiettivo.



Attualmente nelle fotocamere digitali  è stata sostituita dal sensore, un componente elettronico che cattura la luce e traduce quest'ultima in pixel e poi in un'informazione binaria per essere salvata sul supporto di memoria. Prima tale supporto era il semplice rullino, ora è la scheda di memoria. Il sensore ha inoltre associata una unità di misura della sensibilità con cui la luce viene impressa, gli ISO.
Di solito gli ISO possono essere regolati dalla macchina fotografica. Un settaggio alto degli ISO, indica che il sensore ha una sensibilità maggiore e quindi permette di memorizzare l'informazione derivante dalla luce in minor tempo.
Per quanto riguarda invece le reflex analogiche, quindi non dotate di sensore ma di pellicola, era quest'ultima che possedeva differenti proprietà di sensibilità. Spettava quindi al fotografo scegliere una pellicola rispetto ad un'altra. Esistono infatti delle pellicole che possono essere impresse in minor tempo di altre. Di solito la quantità di tempo è proporzionale alla qualità fotografica.

L'Obiettivo: è il dispositivo che posto davanti alla nostra macchina, ne permette l'ingresso della luce. E' l'evoluzione del foro che era presente nella camera oscura.



Di norma è composto da 1 o più lenti che concentrano il fascio di luce in un punto all'interno della camera, che viene detto Piano focale.
E' in questo punto che di norma è presente la pellicola o il sensore, su cui verrà impressa l'immagine.

Lo specchio: è l'elemento che è posto all'interno della fotocamera, tra l'obiettivo e la pellicola stessa.
Essendo inclinato permette di proiettare l'immagine prodotta dalla luce in ingresso dall'obiettivo verso il mirino dal quale l'utilizzatore osserva la scena.
La nostra reflex infatti si chiama anche SLR, cioè Single Lens reflex, cioè dotata di una sola lente.
Infatti viene utilizzata l'unica lente che compone l'obiettivo, sia per permettere al fotografo di inquadrare la scena, sia per imprimere sulla pellicola l'immagine.
La pressione del pulsante di scatto, permette allo specchio di muoversi e di lasciare passare la luce che prima era riflessa verso il mirino, sulla pellicola.

Pentaprisma/Pentaspecchio: é il sistema composto o di un prisma a 5 facce, oppure di una serie di 5 specchi,che permette la riflessione della luce proveniente dallo specchio sopracitato, verso il mirino. Oltre a riflettere l'immagine dello specchio permette di proporre al fotografo la scena ruotata correttamente e non rovesciata come succede nella camera oscura.
La scelta tra pentaprisma e pentaspecchio di solito è data da fattori economici, il secondo costa meno, ma permette anche una visione meno luminosa.


Mirino: è il dispositivo mediante cui l'utilizzatore visualizza la scena che vuole fotografare.
Nelle reflex ciò che viene visualizzato nel mirino è la medesima scena che sarà impressa sulla pellicola o sul sensore. Di solito i mirini, sopratutto nelle refelx digitali permettono la visione oltre che della scena
anche di alcune altre informazioni come la corretta esposizione, i settaggi scelti relativi  ai tempi e all'apertura del diaframma.


Nelle macchine fotografiche digitali compatte, attualmente il mirino è stato sostituito solo da uno schermo lcd.  Lo schermo ha il vantaggio di permettere l'utilizzo della macchina fotografica in situazioni estreme, ma ha lo svantaggio di non consentire una visione perfetta come attraverso il mirino.

Otturatore: è una sorta di saracinesca che viene aperta quando viene premuto il pulsante di scatto, per permettere il passaggio della luce. A seconda del tempo impostato, l'apertura e la successiva chiusura dell'otturatore può avere un tempo lungo o corto a seconda della scelta del fotografo. Tale scelta andrà ad incidere sull'esposizione della fotografia.
Un'apertura e successiva chiusura lenta, permetterà il passaggio di una maggior quantità di luce, mentre un'apertura e chiusura rapida, il contrario.



Diaframma: è una apertura, contenuta internamente all'obiettivo, che può essere gestita attraverso lo spostamento di alcune lamelle.



L'apertura o la chiusura di tali lamelle permettono quindi il maggiore o minore ingresso della luce. Il diaframma è strettamente legato al concetto di profondità di campo, ma lo spiegheremo in seguito.


1 commenti:

D Entertainment ha detto...



Nhạc Thành sắc mặt hơi biến, cửa đá đã bắt đầu mở ra, không biết mười vị Đấu Thánh cường giả có ở bên ngoài chờ mình không, Nhạc Thành ở bên trong không có nhìn thấy mười tên Đấu Thánh cường giả, cũng không thể suy đoán được mười tên Đấu Thánh cường giả ở chỗ nào.

- Két.

Cửa đá từ từ mở ra, ánh sánh bắn vào, lập tức năm người Nhạc Thành, Yến Hiểu Kỳ nhanh chóng nhảy ra khỏi thạch động.

Năm người ở trong thạch động vừa ra, tất cả Đấu Thánh cường giả đều đưa ánh mắt nhìn về dongtam
mu moi ra hom nay
tim phong tro
http://nhatroso.com/
nhạc sàn
tổng đài tư vấn luật
văn phòng luật hà nội
tổng đài tư vấn luật
thành lập công ty trọn gói
http://we-cooking.com/
chém gió
trung tâm tiếng anhphía năm người, hai mươi đạo ánh mắt nhìn năm người nhìn qua, mười vị Đấu Thánh cường giả đầu tiên nhìn xem năm người thực lực tăng cường bao nhiêu.

Mọi người sau khi nhìn thấy Yến Hiểu Kỳ, thần sắc biến hóa, mà ngay cả Vũ Văn Nam cũng mừng rỡ vô cùng, hắn tự nhiên có thể nhìn ra khí tức trên thân Yến Hiểu Kỳ bây giờ đã là Ma pháp sư cấp tám hậu kỳ đỉnh cao, tuyệt đối chống lại thập tinh Đấu tôn, khoảng cách Ma pháp sư cấp chín chỉ một bước, việc này cũng đơn giản, có thể tiếp nhận từ đường tẩy lễ, muốn đột phá đến Đấu Thánh hoặc là Ma pháp sư cấp chín chắc chắn tuyệt đối.

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More